Archivi tag: vita

Attendevo la carta..

“ Quando anche il dialogo è diventato silente, resta solo l’ amarezza. Allora sì, che i muri diventano tali, e tutto ciò che era spessore, diventa carta velina. Neanche dirsi ciao, come persone qualsiasi; come se non rimanesse traccia di … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | 15 commenti

Saluti dall’ Eden.

E mentre tentavo di asciugare gli occhi, mi accorsi che non conoscevo rabbia. Che la delusione già era avvolta da anticorpi, tali da costringermi all’ indifferenza verso ogni forma di miseria morale; ancor prima di rendermi conto che le onde … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Seconda.

C’è stato un tempo in cui ciò che era prezioso era deciso dalla terra, non dall’ uomo.   Terra come madre, che seppe dare alla pietra la bellezza, lasciando che fosse li anche solo per essere guardata, per donare anche … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | 9 commenti

Pessanne a manneddu. ( lasciando che mi faccia compagnia )

Si, la pancia ha recuperato gli occhi. Non sa ingannare quando si contorce così, di fronte  ad un qualcosa che gli occhi colgono e sanno fermarsi. Perché la triste imperfezione che può abitare  la ragione non concede asilo, alle sensazioni … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Omaggio

La prima volta che vidi l’opera “La madre dell’ucciso” non trovai parole per descriverla. Sapevo poco di Ciusa e della sua arte. Mi affacciavo alle prime letture; quelle intime, mie. Quelle non obbligate. Scelte sulla base di un’intuizione, o curiosità, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Cose da rifare..

Mangiare il pane di semola che facevano a Pec, in kosovo. Camminare per Forte Preara, sulle colline di Montorio veronese e sedermi un poco a respirare e ascoltare gli echi. Camminare per piazza Michelangelo a Firenze, di domenica mattina presto. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

sull’ infanzia..

La terra. “ Deus ti bardete “.  Tradotto dalla antica lingua sarda, significa “Che Dio ti benedica”.  E’ quello che pensavo ogni volta che lasciavo Sami, in un incessante intima preghiera che per lui ogni giorno fosse leggero; Ed è … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | 3 commenti