Attendevo la carta..

“ Quando anche il dialogo è diventato silente, resta solo l’ amarezza. Allora sì, che i muri diventano tali, e tutto ciò che era spessore, diventa carta velina. Neanche dirsi ciao, come persone qualsiasi; come se non rimanesse traccia di una scia di Dior, o di una rosa tra due cuscini. Sembrano così lontani quei giorni. Lo sono. Il tempo non è scandito da un orologio, ma dai pensieri che cercano e creano anticorpi per guarire… E dirsi ciao…”

Cristian Marrosu.

Estratto..

L’altra pelle

Musa Edizioni.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | 8 commenti

L’altra pelle

L’altra pelle è la storia di Ziva. Lasciatevi attraversare dalle sue parole. Una storia in cui la bellezza e il coraggio, sembreranno qualcosa che si può insegnare e imparare.

Ordinabile all’indirizzo: musaeditrice@gmail.com

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=469358170255709&id=100015445893042

Grazie a chi mi darà una mano a farlo conoscere.

Pubblicato in Uncategorized | 12 commenti

Crepuscolare.

Credo che uno dei più grandi rimpianti della mia vita, sia stato aver perso gran parte dei primi istanti di ogni nuovo giorno. La prima luce, i primi rumori. Il primo mattino è quella brevissima parte del giorno in qui tutto è più equilibrato; dalla luce alle “melodie”, ai profumi. Credo sia anche il momento più giusto per pregare,  perché il buio nonostante tutto, fa sentire troppo soli. Ho immortalato in pochi scatti alcune tra le più belle mattine dei miei periodi negli altrove. Ne ricordo alcune nei Balcani, accompagnate da canti religiosi che sapevano di cose belle. E’ incredibile come le fotografie degli stessi luoghi, in qualunque altra ora del giorno non ricordino nulla. Non somiglino a nulla. Sono solo immagini con dei bellissimi colori caldi, ma solo immagini. Perciò il rimpianto. Perché la prima luce del mattino è una sensazione brevissima e bellissima. E’ un privilegio concesso ogni giorno. E’ un peccato perderlo.  Ora sono in cucina seduto su uno sgabello; come fossi in un bar all’ ultimo drink, dopo una notte di silenzi in mezzo al rumore. Osservo e mi accorgo della prima luce che filtra dalle tende; un omaggio alle tele appese alla parete;  quei pochi raggi già mutano i toni delle sfumature.  Poso sul tavolo la tazzina e salgo al piano superiore per guardarla.

La Dea ha la giusta luce. Lei dorme ancora. E’ un momento perfetto. Buona giornata.

dea madre

Fotografia: Scultura realizzata da Cristian Marrosu.

” Dea Madre Sarda ”  Ferro lavorato a mano e colorato a fuoco. Omaggio alla Sardegna, alla Natura, alla Donna, a Nivola.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | 6 commenti

Prima della tempesta.

Si dirada la nebbia, molli gli ormeggi e ti stacchi.

Percorri il South Cent; superi Rockin Et, Temptown Island, passi Maind Spot, dove pattinavo da bambino.

Dai fiato al corno da nebbia e mandi un saluto al figlio del guardiano del faro di Touch Island.

Poi compaiono gli uccelli, i mugnaiacci, le anatre spose, i gabbiani reali.

Il sole ti scalda. Viri a nord ti metti a 12 nodi. Sei a pieni giri. Gli uomini sono indaffarati, tu sei al timone. E hai il comando di una splendida barca da Spada. Non c’ è qualcosa di meglio al mondo.

perfect-storm-foto

Billy Tyne, Comandante del peschereccio Andrea Gail.  1991.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

” estratto” Respiravo piano, mentre aspettavo.

. L’ attesa è un sentimento che giace in un piccolo spazio tra la mente e il cuore dove trova il suo nutrimento. L’ habitat perfetto, in cui la mente sa dargli l’ equilibrio e il cuore ne tiene viva la speranza e la memoria. Perché nell’ attesa si può dimenticare da dove si è cominciato. Cosa si stava aspettando. Quando arriva quel momento in cui ti chiedi come sei arrivato sin qui e devi saperti dare una risposta. E guai se una risposta non c’è. La memoria del percorso. E come non riconoscere più il proprio giardino ricordandolo spoglio. I propri gelsomini ricordandoli appena piantati, piccoli piccoli quella prima volta che sentirono la terra bagnata. Li ritrovi grandi che hanno coperto ogni cosa e ti rendi conto di quanto sia stato bello aver saputo attendere. E anche l’ albero ancora piccolo che non vedevi nell’ angolo del cortile ora è grande; trattiene il vento che prima sbatteva sulla porta. Ripara la casa, protegge quel che è suo. Protegge quel che è tuo.
L’ attesa qualche volta è bella. IMG_20160708_203510

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Saluti dall’ Eden.

E mentre tentavo di asciugare gli occhi, mi accorsi che non conoscevo rabbia. Che la delusione già era avvolta da anticorpi, tali da costringermi all’ indifferenza verso ogni forma di miseria morale; ancor prima di rendermi conto che le onde dietro di me, si erano portate via le tracce dei miei passi.

Vivere in pace è anche questo. Quindi, voi che non riuscite, poeticamente, fottetevi.

Amen.perla

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La ballata delle madri.

La ballata delle madri. Lo sconforto di Pasolini, per una civiltà contandina perduta. La sua rabbia civile sul grande coraggio e la sua disperata vitalità. V. Gasmann.

 

FIMG-20150628-WA0004

Foto: Napoli, Pasolini, raccoglie Pasolini.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento